Rieccomi...

Ho titubato a lungo se tornare o meno... poi... rieccomi! :)

Sono stata indecisa per un solo motivo: avevo il blog, il mio blog intuttaconfidenza.blogspot.com da più di due anni. Vi avevo raccontato le mie avventure disavventure, le mie riflessioni, i rapporti con le persone più o meno care, e all'improvviso è sparito tutto: per attività sospetta! Mi sono stati bloccati il profilo, il blog e l'e mail, di punto in bianco.

Mi sono sentita denudata e derubata.

Sono tornata solo per un motivo: mi mancavano le belle persone e i loro bei blog, così diversi tra loro ma tutti così ricchi, costruttivi, divertenti, curiosi, seri, simpatici...

Non son riuscita a mantenere i contatti, molti blog non permettono il commento agli Anonimi, ma ho continuato a leggervi e a seguirvi.

Ed ora un augurio: il nuovo anno vi porti amore, felicità e gioia infinita!

Dona Flor, con affetto

2 gennaio 2013

mercoledì 17 luglio 2013

Non capisco la mania di rendere tutto pubblico. Apro facebook e vedo che "molte"* mie amiche (e amici) hanno inserito foto dei figlioletti che dormono, che fanno il bagnetto, che giocano o che fanno di tutto...
Una va a fare la spesa e fotografa la busta della spesa o gli scaffali del negozio, un'altra va in vacanza e mette  l'immagine dell'auto sovraccarica, un'altra prima di far colazione fotografa la tazza di latte e i biscotti; l'altra ancora il marito che dorme...
Ma questi qua, non hanno niente di meglio da fare? Io mi sentirei una pazza a fotografare dentro il discount lo scaffale dei fagioli o dei biscotti... o mi "irriterei" parecchio nel vedermi sbattuta di fronte a tutti mentre, ignara del mondo e anche di chi ho accanto, dormo nel mio letto.
Un mio collega ha messo su facebook la morte dello zio ed una collega le foto della nonna morta!!!
Non c'è un limite per cui la vita familiare, domestica, affettiva, deve rimanere un fatto privato?

* Molte è virgolettato: in realtà non amando facebook ho pochissimi contatti, ma di persone che conosco benissimo - o credevo di conoscere -  ;)

16 commenti:

  1. Le "manie" umane avranno fine con la fine stessa, quindi o non si considerano le manie degne di nota, oppure ci si auspica la fine stessa. Complicatamente...me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mark!
      Meglio non considerarle... giusto.
      Ho l'impressione che tutto questo sbandierare ai quattro venti ogni minima sciocchezza sia un appiglio cui aggrapparsi al tutto o al niente... forse per la paura di perdere anche quel poco che si ha?
      Intanto, buona serata! :)

      Elimina
  2. Guarda stavo pensando proprio ora la stessa identica cosa !!! Ma che senso ha fotografarsi il piatto da portata e postarlo in bacheca??? Oddio , potrei capire se a cucinarlo fosse stato Marchesi...ma l' " instgram " dell' hamburger del Mc a che cavolo serve???? Oppure , nuovo fenomeno VIPPPP dell ' estate ...quella mania di fotografarsi il corpo col cellulare standosene stravaccati sulle sdraio ?!?! Comprendo che in questa posizione sembrano tutti fighi/e...ma è proprio necessario? E quei genitori che fregandosene della privacy dei figlioletti li fotografano ogni momento e in ogni dove senza pensare a chi potrebbe vedere le immagini ... conosco dei blog che ci hanno costruito pure un " impero finanziario " sopra ahimè... io credo che in questa società esibizionista ciascuno cerchi i propri cinque minuti di gloria...e poi quando questi cinque minuti sono risultati i più gratificanti della vita si cominci a mirare ai dieci , quindici , venti e così via . Per carità , non sono una bacchettona ( o forse sì buaaahhhhh ) , non parlo del condividere la foto con amici e parenti , quello mi pare normale ... ma dare la propria vita in pasto agli sconosciuti mi sembra un pò eccessivo ecco tutto .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono totalmente e pienamente d'accordo con te! Io rimango allibita di fronte a queste foto che, secondo me, non sanno di niente e non servono a niente. Sembra una stupidaggine, ma devo ammettere che quelle che mi inquietano di più sono quelle che ritraggono i bambini. Non per essere ossessiva, ma come si fa a controllare chi guarda e copia (e poi ripubblica) queste foto?! Non sono mamma, ma non occorre esserlo per capire che così non si fa il bene dei bambini. Mi fa piacere, la pensiamo allo stesso modo :)

      Elimina
  3. Io a parte il blog (dove non mi si vede mai) non ho altri spazi e ne sono davvero felice. In fondo la vita privata deve restare privata, non puoi far sapere agli altri tutto quello che ti riguarda, senza contare che spesso sono stupidaggini che non hanno alcun senso. Un conto è raccontare qualcosa per strappare un sorriso un altro è mettere in piazza anche tuo marito che dorme. Boh!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Kylie. Non ha senso. Si pubblicano delle foto personali di momenti che fanno parte della vita di coppia, della famiglia. A cosa servirà mai? A dire al mondo che si esiste?! A volte io stessa nel mio blog mi chiedo se sia giusto raccontare le piccole cose che mi succedono, ma che riguardano anche altre persone. Ma mai e poi mai mi permetterei di mettere pure le foto.
      Buona giornata!! :)

      Elimina
  4. Buongiorno Flor,
    sono una nuova lettrice del tuo blog, ho letto questo post che mi ha spinto a scriverti.
    Sono d'accordo con te.
    Non amo Facebook, molte persone mi hanno chiesto di aprirne uno, perchè avrebbero voluto interagire con me, però ho sempre desistito. I motivi sono gli stessi che tu hai sapientemente elencato soprattutto per quel che riguarda la privacy.
    Sono contenta di sapere che non sono la sola a pensare ciò.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e innanzitutto benvenuta!
      Io mi sono iscritta a facebook per sfinimento, sembrava fossi dell'era preistorica se non l'avessi fatto. Ho pochissimi contatti (di amici che conosco), ma non ho mai pubblicato niente. Mi basta osservare gli altri per capire che non è un mondo fatto per me.
      Grazie a te per il tuo commento! Mi fa davvero piacere vedere che non tutti abbiamo perso il senso del limite.
      Ti auguro buona giornata! :)

      Elimina
  5. Le foto della nonna morta mi mancavano :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì sì.. anche quelle sono state inserite!!

      Elimina
  6. Credo che dalle nostre parti i social network siano un po' come i cortili interni dei condomini di una volta, dove ci si scambiavano i pettegolezzi, ma anche di più: un enorme buco della serratura da cui spiare per assecondare certe pulsioni voieristiche. Solo che adesso chi sta dall'altra parte del buco ci tiene ad essere spiato, anzi, lo pretende. La società dell'”apparire innanzitutto” miete vittime. Io continuo a mantenere il mio unico profilo, quello levantino, di consolidata origine genetica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto in pieno il senso della mia riflessione, ciò che mi stupisce è non tanto il gusto di chi ama spiare, ma di colui che è lo spiato.
      Per questi avere tantissimi "amici" è un po' come per alcuni presentatori in tv avere i dati dell'auditel.
      Detto tra noi, ho sempre trovato di cattivo gusto quelli che ringraziano gli telespettatori per il loro numero. Tutto è un numero, insomma.

      Il Levante è la terra della cultura e delle arti... capisco la tua non necessità di avere altri profili.
      Buona serata e grazie per la tua riflessione!

      Elimina
  7. ho letto con molto interesse le tue considerazioni sull'utilizzo di facebook, e non posso che condividere ciò che hai scritto , ma la cosa che più mi ha sorpresa l'aver recentemente scoperto che ci sono delle persone che utilizzano facebook per monitorare la vita degli altri: cosa hai fatto durante il week end , con chi eri , dove hai mangiato..come eri vestita ecc...lo trovo davvero inaccettabile !

    ciao ave

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo arrivati a questo! Magari facebook sarà nato con altre intenzioni, ma sta diventando una sorta di catalizzatore di istinti tra i più disparati: protagonismo, voyerismo, spionaggio, curiosità ossessive...
      Prima o poi si arriverà all'implosione.

      Buona giornata cara Ave :)

      Elimina
  8. anche nel mio facebook privato non compaiono foto personali dei momenti di quotidianità. non condivido l'esibizionismo normale, figuriamoci quello estremo di facebook e sono d'accordo con te.

    RispondiElimina
  9. Hai usato il termine giusto: esibizionismo estremo. Alcune volte incontrandomi con le amiche non ho più manco la curiosità di chiedere certe cose, le so già da facebook!!
    Bentornata!!! :)

    RispondiElimina